sheila oddino intreccia con tratti sottili un gioco di pieni e vuoti